giovedì 31 dicembre 2015

Vallée d'Aoste D.O.C. Chambave Muscat 2014 - La Crotta di Vigneron

Carissimi e affezionatissimi lettori di "VinoDegustando" buona serata e tantissimi auguri per un floridissimo 2016!
Come prima cosa vorrei ringraziarVi tutti per gli innumerevoli accessi da Voi fatti in questo Blog nel corso di questo anno che sta per terminare.

Per la degustazione di oggi, ultima del 2015, Vi porto in Valle d'Aosta e precisamente a Chambave in provincia di Aosta; il vino in questione è il Vallée d'Aoste D.O.C. Chambave Muscat 2014 prodotto dalla Cooperativa La Crotta di Vigneron.

Si tratta di un vino prodotto con uve Moscato bianco in purezza, vitigno aromatico, vinificato e affinato per 5 mesi in acciaio conservando il vino sulle fecce fini di fermentazione con frequenti “bâtonnages”.

Ma veniamo al sodo:

Alla Vista è color paglierino pallido con riflessi dorati: molto bello e luminoso.

Al Naso è molto elegante, aromatico, balsamico, intenso, con note di erbe aromatiche (salvia, timo e mentuccia), sentori agrumati di cedro e pompelmo rosa, profumi floreali di forsizia e ginestra. 

In Bocca è sapido, freschissimo, corrispondente al naso, armonico, abbastanza persistente e con un corpo esile ma adeguato al tipo di vino.

Gran bel vino da bere giovane! Complimenti al produttore.

Buone degustazioni a tutti e di nuovo buon 2016 a tutti voi!

D.B.


lunedì 28 dicembre 2015

Albana di romagna D.O.C.G. Passito "Regina di Cuori" 2010 - Soc. Agricola Gallegati

Ciao a tutti!

Oggi Vi descriverò un vino già da me bloggato il 5 Ottobre 2014. In quell'occasione vi ho parlato dell'annata 2008, oggi invece del 2010.

Il vino in questione è l'Albana di romagna D.O.C.G. Passito "Regina di Cuori" prodotto dalla Società Agricola Gallegati sita a Faenza in Emilia Romagna. Viene prodotto con uve Albana in purezza.

Se avete letto lo spot del 5 Ottobre 2014, avrete capito che la versione 2008 mi aveva decisamente convinto.

Vediamo ora come se la cava il 2010:

Alla Vista è di un bellissimo e luminoso giallo ambrato.

Al Naso è intenso, elegantissimo, con sentori di albicocca disidratata, agrumi canditi, frutta secca,, miele d'acacia e leggerissime note di zafferano.

In Bocca è freschissimo, armonico, corrispondente al naso, con un finale speziato di pepe bianco; corpo glicerico e rotondo che riempie la bocca e una persistenza quasi infinita.

Eccezionale!

Buone degustazioni a tutti!

D.B.







domenica 27 dicembre 2015

Taurasi D.O.C.G. "Vigna Cinque Querce" 2008 - Azienda Agricola Salvatore Molettieri

Cari Amici Enonauti buona serata a tutti!

Oggi ci rechiamo nuovamente in Campania per assaggiare un altro Taurasi D.O.C.G. e precisamente il "Vigna Cinque Querce" prodotto dall'Azienda Agricola Salvatore Molettieri sita in quel di Montemarano in provincia di Avellino. 
Prodotto con uve varietà Aglianico 100%, svolge la fermentazione in acciaio a temperatura controllata e succesivamente matura per circa 36 mesi in Barriques e botti grandi di rovere; affinamento in bottiglia per almeno 6 mesi.

Alla Vista è di color rubino tendente al granato.

Al Naso è abbastanza intenso, elegantissimo, etereo, con sentori di frutta rossa e nera matura (prugna disidratata e ciliegia Bigarrau), spezie, humus, tabacco e note balsamiche.

In Bocca è fresco, sapido, pieno, corrispondente al naso, con un corpo possente ma rotondo e con tannini vivi ma levigati; molto persistente, equilibrato con un piacevole finale di spezie e liquerizia.

Chapeau! Si tratta di un vino pronto oggi da bersi ancora per 5-7 anni.

Buone degustazioni a tutti!

D.B.

Amarone Classico della Valpolicella D.O.C. 1999 - Bertani

Amici e affezionati lettori di "VinoDegustando" buongiorno a tutti!

Oggi andiamo in Veneto in quel della Valpolicella in una grande Azienda di questa bellissima zona vitivinicola. Stiamo parlado di Bertani, un "nome famoso" dell'enologia Italiana. 
Il vino di oggi è l'Amarone Classico della Valpolicella D.O.C.

Alla Vista è rosso granato ma ancora luminoso e brillante.

Al Naso non è tanto intenso ma elegante, balsamico, terziarizzato, con ancora qualche leggero sentore di marasca, ma soprattutto tabacco, note terrose di sottobosco, spezie, grafite, china e goudron.

In Bocca è sapido, freschissimo, persistente, corrispondente al naso, con le note speziate e quelle minerali che accompagnano la bocca in un finale piacevolissimo. Corpo caratterizzato da tannini setosi e ben amalgamati.

Gran bel vino! 

Buone degustazioni a tutti!

D.B.

sabato 26 dicembre 2015

Taurasi D.O.C.G. 2007 - Feudi di San Gregorio

Buongiorno a tutti e buone feste!

Oggi Vi descriverò un vino di una Cantina sicuramente non in linea con la Mission di "Vinodegustando" che è quella di recensire vini di piccoli Produttori; infatti oggi ci rechiamo in Campania e precisamente a Sorbo Serpico in provincia di Avellino per assaggiare un vino dell'Azienda Feudi di San Gregorio. 
Il vino che Vi racconterò oggi è il Taurasi D.O.C.G. annata 2007. Come tutti saprete, il Taurasi è il Rosso per eccellenza di questa zona del Sud Italia ed è prodotto con le uve del vitigno Aglianico.

Veniamo ora alla degustazione:

Alla Vista è di un bellissimo color rubino carico co unghia appena tendente al granato; è vero che i Taurasi sono generalmente vini da grandi invecchiamenti, però Vi garantisco che si tratta di una colorazione ancora "giovanissima" per un vino di 8 anni.

Al Naso è elegantissimo, austero, intenso, balsamico, con un Bouquet ampissimo che spazia dai sentori ancora molto evidenti di piccoli frutti neri di bosco (mora e mirtillo) e di ciliegia "Durone di Vignola", per poi passare alle note speziate e poi al rabarbaro e alla china, alle note minerali di grafite e alla liquerizia. 
Anche qui il vino non dimostra neppure lontanamente i suoi 8 anni.

In Bocca è supportato da un imponente spalla acida che lo rende freschissimo, è corrispondente al naso e le note balsamiche mentolate lo rendono piacevolissimo; la persistenza non è eccezionale comunque notevole e i tannini sono ancora spigolosi e non ancora amalgamati. Il retrogusto speziato è moto intrigante.

E' ancora "giovanissimo", mi dispiace quasi aver aperto l'unica bottiglia che possedevo, ma a Natale si fanno anche questi "sacrifici".

Grande vino che non ha però ancora raggiunto la sua massima espressione. Ha ancora molta strada da fare.

Complimenti al Produttore!

Buone degustazioni a tutti!

D.B.




venerdì 25 dicembre 2015

Trento D.O.C. Rosè Extra Brut 2011 - Azienda Agricola Francesco Moser

Carissimo e affezzionati lettori di "VinoDegustando" buon Natale a tutti!

Oggi andiamo in Trentino, per degustare l'ultimo nato degli spumanti prodotti da Francesco Moser nella sua Cantina di Trento: il Trento D.O.C. Rosè Extra Brut 2011. Viene prodotto con uve Pinot Nero in purezza raccolte da un vigneto di 30 anni; vinifica in vasche d'acciaio fino al momento del tiraggio, per poi stazionare in bottiglia sui lieviti per almeno 36 mesi.

Alla Vista è di un bellissimo rosa antico tenue con perlage molto sottile.

Al Naso è poco intenso ma, come tutti gli spumanti di Moser, elegantissimo; nonostante la lunga permanenza sui lieviti, non si sente assolutamente la nota di crosta di pane, per lasciar spazio a profumi molto fini che vanno dai piccoli frutti come ribes e lamponi, a sentori di albicocca, a note floreali di rosa e fior di pesco. Il naso non è ampissimo ma come dicevo prima, veramente molto elegante.

In Bocca è sapido, freschissimo, con le bollicine che accarezzano "setosamente" le papille della lingua. E' corrispondente al naso, ha un corpo esile ma il perlage rende "piena" la bocca. Persistente, con finale leggermente speziato.

Complimenti al produttore, gran bel Metodo Classico!

Buone degustazioni a tutti e ancora buon Natale!

D.B.



sabato 19 dicembre 2015

Colli Tortonesi D.O.C. Timorasso "Pitasso" 2011 - Azienda Agricola Claudio Mariotto

Carissimi affezionati lettori di "VinoDegustando" buonasera e buon week end a tutti!

Oggi assaggeremo un altro vino prodotto da una cantina Piemontese quelli dei colli Tortonesi; l'Azienda in questione è quella di Claudio Mariotto, ottimo produttore di questa zona: come si definisce lui "vignaiolo in Vho" (se volete avere maggiori informazioni su questa Cantina, Vi consiglio di andare a leggere lo Spot pubblicato il 5 Luglio 2015). Il vino di oggi è il Colli Tortonesi D.O.C. Timorasso "Pitasso" 2011 prodotto con uve Timorasso in purezza. E' vitigno autoctono di questa zona del Piemonte, caratterizzato da eleganza e longevità.

Ma veniamo ora ai dettagli:

Alla Vista è giallo dorato carico e molto brillante.

Al Naso è abbastanza chiuso ma elegantissimo, minerale, balsamico, con sentori di litchi, pera decana, note di potpourri floreali, pepe bianco e iniziali accenni idrocarburici.

In Bocca è fresco, sapido, armonico, persistentissimo. La glicerina gli dona rotondita' e morbidezza e nel contempo l'acidità lo rende teso e verticale. E' corrispondente al naso e la componente idrocarburica qui è più sentita.

Gran bel vino! Dara' il meglio di se tra qualche anno.

Buone degustazioni a tutti!

D.B.

venerdì 18 dicembre 2015

Menfi D.O.C. Chardonnay "Piana del Pozzo" 2012 - Azienda Agricola Barbera

Cari amici "Enonauti" buona serata a tutti.

Per la degustazione oggi facciamo un viaggio in una bellissima regione del sud Italia, la Sicilia e precisamente a Menfi in provincia di Agrigento. La cantina è l'Azienda Agricola Barberae il vino di oggi è  il "Piana del Pozzo" Chardonnay Menfi D.O.C. 2012. Ottenuto da uve Chardonnay in purezza e matura almeno 10 mesi in acciao per poi affinare 12 mesi in bottiglia.

Alla Vista è di un bel color giallo dorato abbastanza carico e brillante.

Al Naso non è tanto intenso ma elegante, balsamico, con sentori agrumati di cedro e bergamotto, note  balsamiche, minerali, di erbe aromatiche e di radice di liquerizia. Dopo la rotazione del bicchiere purtroppo fuoriesce una leggera nota poco piacevole forse dovuta ad una fermentazione avvenuta in condizioni non perfette, oppure è dovuta soltanto al fatto che la bottiglia è stata appena stappata; però dopo una decina di minuti che il vino permane nel bicchiere sparisce.

In bocca è molto sapido, fresco, armonico, pieno, rotondo, glicerico e persistente con la balsamicità unita alla mineralità la fanno da padrone. La nota poco piacevole sentita al naso per fortuna qui non si percepisce assolutamente.

In Bocca questo vino si esprime sicuramente meglio che al naso.

Bel prodotto, complimenti al Produttore.

Buone degustazioni a tutti!

D.B.




domenica 13 dicembre 2015

Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore D.O.C. "Capovolto" 2013 - Az. Agr. La Marca di San Michele

Carissimi lettori di "VinoDegustando" buona domenica a tutti!

Oggi ci rechiamo nelle Marche per parlare di un vino prodotto da una piccolissima Cantina situata a Cupramontana in provincia di Ancona: il vino è il Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore D.O.C. "Capovolto" 2013 e il produttore è  l'Azienda Agricola La Marca di San Michele. 

E' un'azienda a conduzione famigliare guidata dal giovanissimo e simpatico, oltre che disponibilissimo Alessandro Bonci che si occupa sia della parte agronomica in vigna che della parte enologica in cantina, rispettando le disposizioni della Produzione Biologica.
La raccolta delle uve è fatta rigorosamente a mano e in cassette con una resa media del vigneto di 70 ql/ha; vinificazione in bianco senza macerazione sulle bucce. La fermentazione avviene in serbatoi di acciaio inox utilizzando lieviti selezionati certificati bio. Il vino sosta sulle proprie fecce fini per un minimo di 6 mesi.

Il risultato è il seguente:

Alla Vista si presenta giallo paglierino abbastanza scarico con riflessi ancora verdini; colorazione di un vino ancora giovane.

Al Naso non è intenso ma molto elegante, con sentori floreali di glicine e mughetto, frutta bianca (mela, pera Abate, ribes bianco e litchi), agrumi, fieno, note minerali, iodate, speziate di pepe bianco e balsamiche. Il Bouquet si apre gradatamente man mano che il vino si ossigena.

In Bocca è sapidissimo e freschissimo, corrispondente a quanto percepito al naso con le note balsamiche e iodate in centro bocca, per evolvere nei sapori agrumati e speziati nel finale. Molto persistente, corpo sottile ma adeguato alla tipologia di vino. 
L'armonia in bocca non è ancora al top in quanto questo vino ha bisogno di qualche anno ancora per dare il massimo.
Di questa annata ne ho ancora una bottiglia, aspetterò almeno altri cinque anni prima di aprirla.

Tanti complimenti al Produttore!

E come al solito buone degustazioni a tutti!

D.B.

domenica 6 dicembre 2015

Cerasuolo di Vittoria D.O.C.G. 2012 - Azienda Agricola COS

Buon week end a tutti gli amici appassionati di vino!

Oggi andiamo in quel di Sicilia, meravigliosa isola dell'estremo sud Italia e precisamente a Vittoria in provincia di Ragusa. La Cantina in questione è la COS (se volete avere maggiori informazioni su questa bella Azienda vinicola, andate a leggere il Post del 27 Agosto u.s.).

Oggi parleremo del Cerasuolo di Vittoria D.O.C.G. millesimo 2012, ottenuto da uve Frappato di Vittoria per il 40% e Nero d’Avola per il restante 60%. La fermentazione alcolica avviene spontaneamente sulle bucce con lieviti indigeni e l'affinamento avviene in botti di Slavonia e in bottiglia.  Come tutti i vini di questa Cantina è prodotto in regime di Agricoltura Biologica.

Ma veniamo ora alla degustazione:

alla Vista è color rosso rubino tendente al granato non tanto carico;

al Naso è elegante, intenso, "vinoso", con sentori di ciliegia Ferrovia, ribes rosso, fragola, pepe bianco, cuoio e note terrose e di humus.

In Bocca è fresco, sapido, corrispondente a quanto sentito al naso, armonico, con le note speziate che qui si esaltano ed unendosi alla liquerizia danno vita ad un piacevole e persiste finale. Corpo non imponente adeguato alla tipologia di vino.

Complimenti al Produttore!

Buone degustazioni a tutti!

D.B.

venerdì 4 dicembre 2015

Vigneti delle Dolomiti I.G.T. Moscato Giallo 2013 - Azienda Agricola Francesco Moser

Buona serata a tutti gli amici di "VinoDegustando".

Per la degustazione di oggi, ci rechiamo in Trentino, con un vino prodotto dalla Cantina di proprietà di un personaggio italiano molto famoso: il Pluricampione di ciclismo Francesco Moser. Sì perchè per chi non lo sapesse, Moser è proprietario di questa Cantina sita a Trento. Dei loro vini avevo già assaggiato il Moser 51,151, uno Spumante Metodo Classico TRENTO DOC che ho trovato di grande qualità.

Oggi assaggeremo il Vigneti delle Dolomiti I.G.T. Moscato Giallo 2013 ottenuto al 100% da uve Moscato Giallo che dopo una vendemmia manuale con selezione delle uve, svolge la fermentazione alcolica e il successivo affinamento sulle fecce fini per 6 mesi in vasche di acciaio inox.

Alla Vista è di un bel giallo paglierino scarico con riflessi verdognoli.

Al Naso non è tanto inteso ma elegante e fresco: spiccano i caratteristici sentori di questo vitigno e cioè la pesca, la pera, la mela Golden, le note agrumate di cedro e pompelmo, qualche accenno balsamico e di salvia.

In bocca è sapido e freschissimo, balsamico, con una spiccata acidità un po' troppo citrica che lo rende un po' disarmonico e spigoloso; il corpo è sottile e la persistenza non è tanto lunga.

Dall'impressione avuta al naso, in bocca mi sarei aspettato decisamente di più.
Sicuramente negli Spumanti questa Cantina rende molto meglio.

Buone degustazioni a tutti!

D.B.


sabato 28 novembre 2015

Trento D.O.C. Brut Riserva Metodo Classico 2009 - Az. Agr. Letrari

Carissimi amici di "VinodeGustando" buona serata a tutti!

Ci ritroviamo oggi per descrivere un altro Spumante Metodo Classico prodotto dall'Azienda Agicola Letrari sita a Rovereto in provincia di Trento: stiamo parlando del Trento D.O.C. Brut Riserva del millesimo 2009. E' ottenuto dall'unione di Chardonnay e Pinot Nero raccolti esclusivamente a mano, con permanenza sui lieviti di almeno 36 mesi.

Alla Vista è un bellissimo giallo paglierino dorato molto luminoso, con un perlage molto fitto e persistente.

Al Naso non è tanto intenso con note di lievito non invadenti, che permettono di sentire anche altri profumi: note agrumate di lime, bergamotto e cedro, mela, pera, sentori minerali, vaniglia e frutta secca (nocciola).

In bocca è setoso, rotondo, freschissimo e molto sapido, con il fine perlage che accarezza dolcemente le papille e le mucose; è corrispondente al naso, persistente e nel finale fuoriescono note di spezie e di erbe aromatiche.

Per i miei gusti trovo migliore il Trento D.O.C. Metodo Classico Riserva 2008 Dosaggio Zero (vedi il Post pubblicato in data 8-11-15) perchè soprattutto al naso è più elegante e fresco, però stiamo parlando comunque di un prodotto di ottimo livello.

Buone degustazioni a tutti.

D.B.



lunedì 23 novembre 2015

"Volpolo" Bolgheri D.O.C. 2012 - Podere Sepaio

Buona serata a Voi affezionati lettgori di "VinoDegustando"!

Oggi Vi descriverò un vino della famosa denominazione "Bolgheri D.O.C." della Costa Toscana e precisamente del "Volpolo" 2012 prodotto da Podere Sepaio

Si tratta di un taglio Bordolese ottenuto da Cabernet Sauvignon, Merlot e Petit Verdot; le percentuali variano a seconda dell'annata. Svolge la fermentazione alcolica in Acciao Inox e la malolattica in Barriques a cui segue un periodo di affinamento in Barriques e Tonnaux di 14 mesi.

Veniamo ora alla degustazione:

Alla Vista è di un bellissimo color rubino molto intenso con unghia appena tendente al granato.

Al Naso è intenso, con sentori di frutta matura (ciliegia Bigarrau, prugna disidratata, mora e mirtillo), note di liquerizia nera, humus, grafite, pepe nero ed una nota non fastidiosa di legno.

In Bocca è fresco, sapido, equilibrato, l'alcol si sente ma in maniera delicata; è corrispondente a quanto percepito al naso, corpo abbastanza possente, con tannini ancora un po' ruvidi ma nobili. E' persistente ed ha un finale speziato molto piacevole.

E' un vino anche troppo giovane!  Poteva stare in cantina ancora diversi anni.

Buone degustazioni a tutti!

D.B.

giovedì 19 novembre 2015

Riesling d'Alsazia Grand Cru Altenberg de Wolxheim 2010 - Domaine Clement Lisner

Carissimi Amici buonasera a tutti!

Oggi, enologicamente parlando, ci troviamo in quella zona della Francia chiamata Alsazia, posizionata al confine con la Germania, per degustare il Riesling Alsaziano Grand Cru Altenberg de Wolxheim annata 2010 prodotto da Clement Lisner; questa Cantina si trova a Wolxheim non lontani da Strasburgo.

Come avrete capito il 2010 è un annata che amo, soprattutto nei bianchi ma anche i rossi si stanno rivelando di grande finezza ed equilibrio.

Domaine Lissner è un'Azienda che iniziò il percorso verso il biologico nel 2002, quando Bruno Schloegel prese in mano l’Azienda che apparteneva allo zio.

Ma vediamo come si presenta questo suo vino: 

alla Vista è di color giallo paglierino molto scarico con riflessi verdini ancora molto evidenti; questo denota ancora grande freschezza.

Il Naso è molto tipico di questo vitigno, con le note idrocarburiche che sono già evidenti ma non coprono i sentori di agrumi, in particolare Pompelmo. Si tratta di un vino di buona intensità e finezza anche se non di grande ampiezza.

In Bocca le sensazioni olfattive si confermano;  ha una grande acidità prettamente citrica, è molto minerale e presenta una leggera salinità. La sua persistenza è proprio dovuta a queste caratteristiche, in quanto il corpo risulta un po’ esile e l’equilibrio può ancora migliorare vista l’acidità che deve ancora ingentilirsi; lo riassaggeremo tra un po’ tanto di questo vino ne hoo ancora svariate bottilgie.

Buone degustazioni a tutti!

Carlo Oreste


lunedì 16 novembre 2015

Offida Pecorino D.O.C.G. "Colle Vecchio" 2010 - Tenuta Cocci Grifoni

Carissimi a affezionatissimi “Enonauti” buongiorno a tutti!

Per il vino di oggi ci rechiamo nelle Marche e precisamente a San Savino di Ripatransone in provincia di Ascoli Piceno: si tratta dell' Offida Pecorino D.O.C.G. "Colle Vecchio" 2010 prodotto dalla Tenuta Cocci Grifoni (per maggior precisione la D.O.C.G. è stata riconosciuta alla denominazione "Offida" nel Novembre 2010).
Il vino è prodotto con le uve Pecorino (il Disciplinare dice almeno 85%) con una resa di 80 ql./ha, provenienti dai vigneti più vecchi: la prima vendemmia è del 1990. Dopo una raccolta manuale viene vinificato in bianco a temperatura controllata a 16°C; matura per minimo 4 mesi in serbatoi inox ed affina in bottiglia per almeno altri 6 mesi.

Ma veniamo alla degustazione :
Alla Vista il colore è sorprendente per un vino bianco di ormai 5 anni che si presenta paglierino scarico con ancora dei riflessi verdognoli .

Il Naso si esprime con garbo molto delicato e ampio, ananas, mela golden, un po' di miele, fiori bianchi, note speziate di pepe bianco, qualche sfumatura erbacea che ricorda la foglia della lantana ed un tocco di pietra focaia.

In Bocca dà sicuramente il meglio di se: si percepisce immediatamente un equilibrio straordinario, entra con grande delicatezza, segue la nota fresca legata ad una bellissima acidità per finire con la mandorla amara sul fondo di bocca che in breve lascia posto ad una sensazione finale più dolce di liquirizia; lunghissimo ed è un vino che mi emoziona sempre di più col passare degli anni.

Peccato che ormai ne rimangono solo 2 bottiglie , un millesimo eccezionale.

Buone degustazioni a tutti!


Carlo Oreste



domenica 15 novembre 2015

"Perda Pintà" Barbagia I.G.T. 2012 - Az. Agr. Giuseppe Sedilesu

Carissimi affezionati lettori di "VinoDegustando" buona domenica a tutti!

Oggi Vi illustrerò le sensazioni e le emozioni che regala un vino bianco prodotto in una Regione Italiana che io amo molto: la Sardegna. Parliamo di un vino prodotto a Mamoiada in provincia di Nuoro dall'Azienda Agricola Giuseppe Sedilesu che ho scoperto durante la mia vacanza estiva del 2014 (se volete avere maggiori informazioni su questa Cantina, andate a leggerVi il Post che ho pubblicato su questo Blog in data 7 settembre 2014). 

Stiamo parlando del "Perda Pintà" Barbagia I.G.T. 2012 prodotto al 100% da Granazza di Mamoiada con una resa di 40 q/ha di uva e con vendemmia tardiva ad Ottobre; è un vino molto particolare con una gradazione alcolica di 16% ed un residuo zuccherino di 6-7 gr/litro e viene affinato in Barriques.

Alla Vista è di un bellissimo oro carico molto luminoso e brillante: volendolo valutare alla vista bisognerebbe riconoscergli il massimo dei voti.

Al Naso è intenso, elegante, con sentori di albicocca disidratata, agrumi canditi, miele d'acacia, note balsamiche, minerali e speziate.

Ma è in Bocca che dà il meglio di sè: è pieno, rotondo, avvolgente, armonico, con una freschezza ed una sapidità che lo rendono equilibrato nonostante l'elevatissima gradazione alcolica ed il non indifferente residuo zuccherino. Nel finale si percepisce anche una nota nocciolata e di castagne secche e la persistenza è lunghissima.

Da abbinare a carni bianche, bolliti, formaggi semi-stagionati e primi a base di pesce o anche ragù di carne.

Gran bel vino!

Buone degustazioni a tutti!

D.B.

sabato 14 novembre 2015

Lugana Superiore DOC "Campo Serà" 2013 - Az. Agr. F.lli Fraccaroli

Cari Amici lettori di "VinoDegustando" buon week end a tutti.

Oggi andiamo sul lago di Garda e precisamente a peschiera del Garda in provincia di Verona per assaggiare un vino prodotto dall'Azienda Agricola Fratelli Fraccaroli: il Lugana Superiore DOC "Campo Serà" annata 2013.
E' prodotto con il vitigno Trebbiano di Lugana detto anche Turbiana al 100% e subisce un affinamento in acciaio per 12 mesi e minimo 3-4 mesi in bottiglia.

Alla vista è di color giallo paglierino abbastanza carico con riflessi dorati.

Al Naso non è tanto intenso ma elegante, con sentori di frutta (pera, ribes bianco e albicocca), fiori (biancospino e ginestra), sentori agrumati (cedro e lime), minerali e balsamici. Si tratta di un vino che ha un naso certamente più complesso ed elegante del Lugana D.O.C. "Pansere" prodotto dalla stessa Azienda (vedere Post del 19 luglio 2015).

In Bocca è sapido e abbastanza fresco (un po' di acidità in più non guasterebbe), la glicerina lo rende pieno, rotondo e setoso; è corrispondente al naso, con un piacevole retrogusto di radice di liquerizia. Il corpo per un bianco è ottimo, l'armonia è leggermente penalizzata da un livello di acidità un po' basso ma la persistenza è comunque molto buona.

Abbiamo avuto la fortuna di assaggiare questo vino forse al culmine del proprio potenziale evolutivo, infatti si tratta di un prodotto da bere al massimo nei prossimi 12-18 mesi.

Buone degustazioni a tutti!

D.B.

domenica 8 novembre 2015

Spumante Talento Trento D.O.C. Metodo Classico Riserva 2008 Dosaggio Zero - Az. Agr. Letrari

Simpaticissimi e affezionatissimi amici di "Vinodegustando" buongiorno e buona domenica a tutti!

Oggi Vi parlerò di uno altro Spumante Metodo Classico; sono un grande appassionato di bollicine spumantizzate con rifermentazione in bottiglia. Quello di oggi è il Trento D.O.C. Metodo Classico Riserva 2008 Dosaggio Zero, sboccatura Marzo 2015, prodotto dall'Azienda Agicola Letrari sita a Rovereto in provincia di Trento. Tutto si può dire scluso che questa Cantina non faccia della qualità il proprio must.

Questo vino rimane sui propri lieviti almeno 36 mesi e viene prodotto da Chardonnay e Pinot Nero.

Ma veniamo alla degustazione:

Alla Vista è di color paglierino dorato molto brillante e luminoso, con bollicine fini e molto persistenti.

Al Naso è elegantissimo, freschissimo, con un ampio Bouquet che va dalle note minerali in evidenza, a sentori floreali di forsizia, ginestra e gelsomino, a fragranze agrumate dolci di cedro e bergamotto, note di fieno, e qualche vena speziata e balsamica. Le note di crosta di pane date dalla permanenza sui lieviti, sono percettibili ma delicate e non invasive.

In Bocca è freschissimo, sapidissimo, vertcale e teso ma rotondo nello stesso tempo, corrispondente al naso e armonico, persistente, con le bollicine che regalano alle papille gustative un senso di setosità. Corpo adeguato.

Gran bel vino, veramente complimenti al produttore!

Buone degustazioni a tutti!

D.B.

giovedì 5 novembre 2015

Champagne Millèsime Grand Cru Brut 2008 - Gonet Sulcova

Buongiorno a tutti voi amici di "VinoDegustando"!

Vi parlerò oggi di un altro Champagne assaggiato al Salone dei Vignerons Indépendants di Lione; si tratta dello Champagne Millèsime Grand Cru Brut 2008 prodotto dall'Azienda Gonet Sulcova, sita ad Epernay.

Alla Vista è di color paglierino medio

Al Naso non è tanto intenso ma molto elegante con una leggerissima nota evolutiva che però non copre un Bouquet di frutta bianca e gialla (pera, mela e pesca), sentori floreali, note minerali e speziate.

In Bocca è freschissimo, sapido, corrispondente al naso, un corpo non imponente ma con un finale speziato che dura molto a lungo.

Buone Degustazioni a tutti!

D.B.


 

mercoledì 4 novembre 2015

Cahors Clos de Gamot 1998 - Clos de Gamot

Carissimi e fedeli amici lettori di "VinoDegustando" buona sera a tutti!

Oggi Vi parlerò di un vino rosso assaggiato durante la visita al Salone dei Vignerons Indépendants di Lione, il Cahors Clos de Gamot 1998 prodotto dall'Azienda Clos de Gamot sita a Prayssac.
E' un'Azienda che coltiva un unico vitigno, il Malbec. Alcune vigneti ancora in produzione hanno 120 anni di età con rese molto basse di 15-20 hl / ha; un'altra parte dei vigneti ha dai 40 ai 70 anni con rese anch'esse molto basse intorno ai 40 hl / ha.
Il vino affina a seconda dell'annata per 18-24 mesi in piccoli carati di legno.

Ma ora descriviamo organoletticamente il vino: 

Alla Vista si presenta di color granato carico ancora vivo.

Al Naso è intenso, elegantissimo, evoluto, con note di prugna disidratata, cuoio, humus, spezie e goudron. 

In Bocca è pieno, vellutato, rotondo, corrispondente al naso, ancora fresco e sapido, armonico ed equilibratissimo e molto persistente.

Complimenti al produttore, gran bel vino!

Buone degustazioni a tutti!

D.B.


lunedì 2 novembre 2015

Condrieu Cote de Chatillon 2010 - Francois Gerard

Buona giornata a tutti gli amici di "VinoDegustando"!

Oggi assaggiamo un Condrieu Cote de Chatillon 2010.

Siamo nel Nord della  valle du Rhone appunto a Condrieu e  il produttore è Francois Gerard.

Alla Vista è di colore brillante su note giallo paglierino scarico ancora molto vivo.

Al Naso è piuttosto intenso con note dominanti  di frutta gialla  matura,  albicocca e pesca sciroppata, un leggero tocco agrumato di mandarino, sensazioni dolci con qualche sfumatura di fieno maturo.

In Bocca il vino  entra possente con grande struttura alcolica e glicerica, le sensazioni dolci ritornano sul calo delle acidità, buono l’equilibrio, appena  disturbato dalla grande alcolicità di questo vino che indica in etichetta ben 15,5 % volume.
Buona la  persistenza con piacevole retrogusto erbaceo dominato sempre dal grande volume e dalla dolcezza alcolica.

Buone degustazioni a tutti!

Carlo Oreste 






domenica 1 novembre 2015

Champagne Grand Cru Blanc de Blanc 2008 - André Robert

Cari amici ed affezionati lettori di "VinoDegustando" buongiorno e buona domenica a tutti! 
Venerdì e ieri sono stato insieme ad altri quattro amici dell'Onav al Salone dei Vignerons Indépendants di Lione.  
Bellissima esperienza! 
Esponevano oltre 500 Produttori facenti parte dell'associazione dei Vignerons Indépendants; noi in una giornata intera, dalle 10 alle 20, siamo riusciti ad assaggiare i vini di circa una cinquantina di Aziende. A giorni pubblicherò un Post dedicato alla visita e Vi elencherò tutte le Azinde di cui abbiamo assaggiato i vini.

Oggi Vi voglio descrivere uno Champagne, precisamente il Grand Cru Blanc de Blanc 2008 dell'Azienda André Robert sita a Le Mesnil Sur Oger.
Questo vino viene Prodotto con uve Chardonnay 100% e subisce una fermentazione sui lieviti in Barriques di rovere per sette mesi con continui batonnage e non fa fermentazione malolattica. Dosaggio 7-8 gr.

Veniamo ora alla degustazione:

Alla Vista si presenta paglierino pallido con riflessi verdini.

Al Naso è abbastanza intenso, con un Bouquet non tanto ampio ma molto elegante, con in evidenza note floreali di forsizia, fruttate di mela e pera, minerali ed un piacevole nota evolutiva leggermente ossidativa.

In Bocca è pieno, sapido, con un'elevata acidità che lo rende freschissimo, molto persistente, corrispondente al naso, con un finale leggermente amaricante accompagnato da un aroma di frutta secca. Corpo di ottima consistenza.

Gran bello Champagne, complimenti ad André Robert!

Buone degustazioni a tutti!

D.B.




domenica 25 ottobre 2015

Terre Siciliane I.G.P. 2013 "Ramì" - Azienda Agricola COS

Buona domenica a tutti gli affezionati lettori del Blog "VinoDegustando".

Oggi Vi parlo di un altro vino dell'Azienda Agricola COS sita a Vittoria in provincia di Ragusa, in terra di Sicilia. A chi volesse avere maggiori informazioni su questa bella Azienda, consiglio di andare a leggere il Post pubblicato su questo Blog in data 27 Agosto u.s.

Si tratta del "Ramì" un Terre Siciliane I.G.P. del 2013; come tutti i vini prodotti da questa Cantina, è ottenuto applicando le norme consentite dall'Agricoltura Biologica e con tecniche agronomiche ed enologiche che rispettano la natura e i loro prodotti, oltrechè l'ambiente.
I Vitigni utilizzati sono il Grecanico per un 50% e l'Insolia per il restante 50%; svolge una fermentazione spontanea sulle bucce con lieviti indigeni e l'afinamento avviene in una prima fase in vasche di cemento e poi in bottiglia.

Alla Vista si presenta di un color oro molto carico tendente all'ambrato; è bellissimo da vedere e molto intenso nella colorazione.

Al Naso è intenso, con note idrocarburiche oltre a sentori di frutta come albicocca disidratata, agrumi maturi, qualche accenno speziato; la tecnica della fermentazione sulle proprie bucce gli dà quella leggera e caratteristica nota ossidativa che però non copre gli altri profumi.

In Bocca è sapidissimo, fresco, corrispondente al naso con la componente idrocarburica che si mette in evidenza; il corpo è aiutato dalla componente glicerica che lo rende "rotondo" e "pieno". La persistenza è buona. 

Non è certamente un vino che possa affrontare lunghi invecchiamenti, quindi consiglio di consumarlo nei primi 2 anni dalla vendemmia.

Buone degustazioni a tutti!

D.B.


domenica 18 ottobre 2015

Valtellina Sforzato D.O.C. 1999 - Azienda Agricola Balgera

Buona serata a tutti gli affezionati lettori di "VinoDegustando".

Oggi vi descriverò un vino prodotto dall'Azienda Agricola Balgera sita a Chiuro in provincia di Sondrio.
E'  Sforzato di Valtellina D.O.C. 1999 ottenuto dall’appassimento delle uve Chiavennasca (Nebbiolo) al 100%; dal 2003 questa denominazione si fregia della D.O.C.G. 
Le uve scrupolosamente selezionate nelle zone del Valtellina Superiore e del Valtellina, vengono coricate sui graticci e lasciate appassire fino a gennaio - febbraio.

Ora veniamo al vino:

Alla Vista è di color granato-mattonato con unghia tendente all'aranciato.

Al Naso è elegante, etereo, complesso, con ancora accenni fruttati (ciliegia e prugna disidratata), note di sottobosco, anice stellata, rabarbaro, tabacco, cuoio ed un accenno di gudron.

In bocca è ancora vivo, pieno, rotondo, corrispondente al naso, con un aggiunta di albicocca disidratata; è molto persistente, peccato per un eccesso di alcol che lo penalizza un po' nell' armonia (anche perchè, col passare degli anni l'acidità è venuta un po' meno e quindi l'alcol prende il sopravvento).

Devo fare un complimenti ed un appunto alla Cantina: il primo è per la qualità di questo vino, mentre il secondo è per le scadenti caratteristiche del tappo, che in un vino di questa tipologia (da invecchiamento) non mi sarei aspettato.

Comunque buone degustazioni a tutti!

D.B.


sabato 17 ottobre 2015

Puglia I.G.T. Bianco Minutolo 2014 - Azienda Agricola Polvanera

Cari Amici di "VinoDegustando" buon week end a tutti!

OggiVi descriverò un altro vino della Azienda Agricola Polvanera sita a Gioia del Colle in provincia di Bari. 
Se volete avere maggiori informazioni su questa bella realtà produttiva Pugliese, Vi consiglio di leggere il Post pubblicato su questo Blog in data 8 Aprile 2015.

Si tratta del Puglia I.G.T. Bianco Minutolo 2014, prodotto al 100% con uve Fiano Minutolo. 

Veniamo al dunque:

Alla Vista e un color paglierino molto scarico con riflessi verdolini, molto bello e luminoso.

Al Naso è intenso, ampio, balsamico, con profumi molto freschi di fiori bianchi e gialli (ginestra e forsizia), pesca bianca, ribes bianco, pera Abate, nashi, agrumi (bergamotto e cedro), note minerali e di erbe officinali (salvia, mentuccia e camomilla).

In Bocca è sapido, teso, freschissimo, persistente con un corpo buono e adeguato alla tipologia di vino; la componente glicerica presente lo rende rotondo e pieno. Il finale di bocca è reso molto fresco e picevole dalle note agrumate e di erbe balsamiche.

Ottimo vino!

Questa Cantina non mi ha mai deluso.

Buone degustazioni a tutti!

D. B.

mercoledì 14 ottobre 2015

Savigny 1er cru A.C. "Les Peuillets" 2009 - Nicole e Jean-Marie Capron-Charcousset

Carissimi amici e lettori di "VinoDegustando" buonasera a tutti".

Oggi parleremo di un vino d'oltralpe che mi è stato regalato da un amico-collega dell'Onav e precisamente del Savigny 1er cru A.C. "Les Peuillets" 2009 prodotto dall'Azienda Nicole e Jean-Marie Capron-Charcousset sita a Savigny-les-Beaune nella Cote-d'Or. 
Naturalmente si tratta di un vino ottenuto da Pinot Nero, di quelli che in Italia purtroppo non riusciamo a produrre allo stesso livello; noi ci dobbiamo concentrare sui Vini prodotti con i nostri Vitigni Autoctoni che sappiamo fare benissimo.

Ma veniamo al dunque:

Al Naso si presenta elegantissimo, balsamico, intenso, con un Bouquet molto ampio che spazia dalle note di frutta rossa e nera (principalmente ciliegia Ferrovia e prugna disidratata), spezie (pepe bianco e noce moscata), fiori secchi, humus, cuoio, tabacco mentolato e liquerizia. La balsamicità lo rende piacevolissimo.

In Bocca è corrispondente al naso, sapido e freschissimo; peccato per un eccesso di alcol che penalizza un po' l'armonia. Il corpo non è possente ma la persistenza è quasi infinita e quando termina lascia un piacevole sapore di liquerizia amara, misto a spezie.

E' un vino che sarebbe potutto rimanere in cantina ancora per qualche anno. Peccato che era l'unica bottiglia che avevo.

Complimenti al Produttore!

Buone degustazioni a tutti!

D.B.

venerdì 9 ottobre 2015

"Gaudensius" Etna D.O.C. Spumante Metodo Classico S.A. - Azienda Agricola Firriato

Buongiorno a tutti gli Amici di "VinoDegustando"!

Oggi Vi descriverò un altro dei vini assaggiati a "Bottiglie Aperte 2015".
Si tratta del Gaudensius Etna D.O.C. Spumante Metodo Classico S.A. prodotto nell'Azienda Agricola Firriato sita a Castiglione di Sicilia in Provincia di Catania, sulle pendici dell'Etna.

E' sicuramente una piacevole sorpresa di Spumante Metodo Classico ottenute da uve Nerello Mascalese. Non ci sono tanti Spumanti Metodo Classico prodotti con qusto Vitigno Autoctono siciliano della zona dell'Etna.
E' uno Spumante che rimane sui lieviti 32 mesi.

Alla Vista è di un giallo paglierino medio molto luminoso e brillante. Perlage fine e molto persistente.

Al Naso è un po chiuso, ma elegante e dopo averlo fatto girare un po' nel bicchiere sprigiona note minerali e balsamiche molto piacevoli, unite a sentori fruttati di pera Decana, pesca bianca, spezie (pepe bianco), ribes bianco e qualche accenno agrumato.

In Bocca è sapidissimo, fresco, corrispondente al naso con le note agrumate e speziate che si mettono in evidenza sulle altre. Le bollicine accarezzano delicatamente la lingua e le mucose della bocca.
E' abbastanza persistente e nel finale lascia anche un piacevole retrogusto di radice di liquerizia.

Complimenti a questa nota Cantina Siciliana!

Buone degustazioni a tutti!

B.D.



sabato 3 ottobre 2015

"Il Mattaglio" Spumante VSQ Metodo Classico Dosaggio Zero - Cantina della Volta

Ciao a tutti!

Eccomi di nuovo qui con Voi per descriverVi un altro vino assaggiato durante la manifestazione "Bottiglie Aperte" svoltasi a Milano dal 12 al 14 Settembre u.s.

Sto parlando de
"Il Mattaglio" Spumante VSQ Metodo Classico Dosaggio Zero prodotto dalla Cantina della Volta sita a Bomporto in provincia di Modena.

E' un vino prodotto con uve Pinot Nero e Chardonnay che rimane sui lieviti per almeno 24 mesi prima della "sboccatura" o "dégogement".

Alla Vista si presenta di un giallo paglierino molto scarico con riflessi verdognoli; bello e luminoso nel bicchiere. Perlage molto sottile e persistente.

Al Naso qualche nota di lievito si percepisce ma non coprono quanto del vino bisogna sentire:  note di frutta bianca matura (pera Williams e Nashi), sentori agrumati (Cedro e Lime) e qualche nota floreale.

In Bocca è freschissimo, sapido, corrispondente a quanto sentito al naso. La freschezza agrumata continua a tornare in bocca rendendolo molto lungo e piacevole da gustare. Corpo adeguato alla tipologia di vino.

Un ottimo Metodo Classico prodotto in una zona certo non conosciuta per questa tipologia di vino.

Buone degustazioni a tutti!

B.D.





domenica 27 settembre 2015

Vittoria Rosso D.O.C. "PITHOS ROSSO" 2013 - Azienda Agricola COS

Carissimi e affezionati lettori di "VinoDegustando" buona sera a tutti!

Oggi Vi descriverò un altro vino dell'Azienda Agricola COS sita a Vittoria in provincia di Ragusa; se volete avere maggiori informazioni su questa Cantina Vi consiglio di andarVi a leggere il Post da me pubblicato su questo Blog in data 27 Agosto u.s.

Il Vino in questione è il Vittoria Rosso D.O.C. "PITHOS ROSSO" 2013 ottenuto da un 60% di uve Nero d'Avola e per il restante 40% da uve Frappato di Vittoria (si tratta dello stesso uvaggio previsto anche per il Cerasuolo di Vittoria D.O.C.G.) con fermentazione spontanea in anfore di terracotta per poi finire l'affinamento in bottiglia. 
Anche questo vino è prodotto in regime di Agricoltura Biologica.

Alla Vista si presenta di un color rubino carico con unghia tendente al granato.

Al Naso non è tanto intenso ma elegante, con un Bouquet che spazia dai frutti rossi e neri (ciliegia, mirtillo, mora, e prugna disidratata), a note speziate di pepe nero, humus e sentori animali di cuoio.

In Bocca è corrispondente al naso, fresco, sapido e persistente; il corpo è di buona consistenza e il finale speziato misto a liquerizia nera.
Non è un vino che possa reggere lunghi invecchiamenti, infatti deve essere bevuto entro 2-3 anni dalla vendemmia ma lo si beve molto volentieri.
Complimenti alla COS anche per questo vino!

Buone degustazioni a tutti!

B.D.

sabato 26 settembre 2015

Modena Rosè Spumante D.O.C. "Quinto Passo" Brut Metodo Classico - Chiarli 1860

Carissimi amici "Enonauti" buona serata a tutti!

Oggi Vi descriverò interromperò la serie dei vini assaggiati a "Bottiglie Aperte 2015" per parlarVi di un vino Spumante Metodo Classico che mi è stato regalato da un amico.

Si tratta del "Qinto Passo" una bollicina ottenuta da uve Sorbara in purezza, prodotta dalla Società Agricola Cleto Chiarli, famosa Cantina sita a Castelvetro di Modena (MO).

Non sono tanti i produttori che vinificano questa uva per produrre uno Spumante Metodo Classico. Normalmente viene utilizzata per le denominazioni Lambrusco di Sorbara DOC, Modena DOC, Reggiano DOC, Lambrusco Mantovano DOC e altre.

Questo vino resta in bottiglia sui propri lieviti dai 20 ai 24 prima della Sboccatura.

Ma ora passiamo alla degustazione:

Alla Vista si presenta di un bellissimo color rosa antico tendente al salmone non tanto carico. Le bollicine sono fini e molto persistenti.

Al Naso non è tanto intenso, ma elegante con note di pesca, albicocca, pompelmo rosa, ribes bianco, note floreali di rosa e di fior di pesco e leggerissimi sentori che richiamano i lieviti (che per fortuna non coprono il Bouquet).

In bocca è sapidissimo, corrispondente al naso con un'esplosione di freschezza dovuta sia all'acidità, sia a tutte le note fresche di frutta, fiori e di balsamicità.

Non è frequente trovare Spumanti Metodo Classico coltivato nel modenese; devo dire che in questo caso si è trattato di una bellissima esperienza!

Provatelo, ne rimarrete molto soddisfatti!

Buone degustazioni a tutti!

D.B.


venerdì 18 settembre 2015

Falanghina del Sannio D.O.C. 2012 - Azienda Agricola Fosso degli Angeli

Simpaticissimi lettori di Vinodegustando buona giornata a tutti.

Oggi Vi parlerò di un altro dei vini assaggiati a "Bottiglie Aperte 2015" svoltosi a Milano dal 12 al 14 di Settembre.

E' la  Falanghina del Sannio D.O.C. 2012 "Maior" prodotta dall'Azienda Agricola Fosso degli Angeli sita in Campania a Casalduni in Provincia di Benevento. E' ottenuto da uve Falanghina in purezza.

Alla Vista è di color giallo paglierino scarico con riflessi verdognoli.

Al Naso non è molto intenso ma molto elegante con note balsamiche in evidenza, sentori di fiori bianchi (mughetto) e gialli e note agrumate di Lime.

In Bocca è freschissimo, sapido, con una spalla acida che sorregge il vino durante la sua permanenza in bocca e anche dopo la deglutizione; quando sembra quasi essere sparito, si ripresenta in tutta la sua vivacità a prolungare la freschezza che sprigiona insieme a quanto sentito al naso. Le note speziate che si presentano nel finale lo rendono ancora più accattivante.

Questa è una Cantina che diversamente da quanto succede normalmente presenta i suoi vini dopo qualche anno dalla vendemmia, infatti avevano in degustazione anche annate precedenti anche di altre tipologie di vini bianchi.

Ho assaggiato tutti i vini che avevano in degustazione e devo dire che li ho trovati tutti interessanti; tra i rossi ho apprezzato il "Safinim" un Sannio Rosso D.O.C. Riserva 2012, elegante, ancora molto fruttato ma con i primi accenni evolutivi di spezie, tabacco, note terrose e cuoio.

Complimenti!

Buone degustazioni a tutti!

D.B.

mercoledì 16 settembre 2015

Valentino Brut Riserva Elena Metodo Classico 2010 - Podere Rocche dei Manzoni

Buongiorno a tutti gli amici "Enonauti".

Oggi Vi descriverò il primo dei vini assaggiati a "Bottiglie Aperte 2015" svoltosi a Milano dal 12 al 14 di Settembre.

Si tratta del Valentino Brut Riserva Elena 2010, uno Spumante Metodo Classico prodotto dall'Azienda Podere Rocche dei Manzoni che si trova a Monforte d'Alba in Provincia di Cuneo. 
Questa "Bollicina" è ottenuta per un 70% da uve Chardonnay e per un 30% da uve Pinot Nero e rimane a maturare sui lieviti almeno 48 mesi.

Bisogna tener presente che la bottiglia che ho assaggiato era di formato Magnum e tutti noi sappiamo che questo è la dimensione di bottiglia in cui gli Spumanti esprimono il proprio meglio.

Alla Vista si presenta di colore paglierino carico dorato, molto luminoso e bello da vedere. Il Perlage è finissimo.

Al Naso è abbastanza intenso, elegante, minerale, con un bouquet abbastanza ampio che spazia dai fiori bianchi, note di frutta bianca (pera, mela, lichi), frutta gialla soprattutto agrumi (cedro e lime) e note balsamiche. Il lievito si percepisce solo in maniera lievissima.

In Bocca è freschissimo, teso, sapido, equilibrato, corrispondente al naso con un' aggiunta finale di spezie. Il perlage in bocca si presenta setoso e il corpo è di tutto rispetto per uno spumante. E' molto persistente e la mineralità in bocca si percepisce molto a lungo e nel finale si mescola alle note speziate regalando un piacevolissimo retrogusto.

E' uno Spumante veramente di ottima qualità!

Di questa Cantina ho assaggiato anche altri vini tra cui il Nebbiolo Langhe D.O.C. del 2010: ho trovato anche questo di ottima fattura, equilibrato, elegantissimo e balsamico.

Complimenti all'Azienda.

Buone degustazioni a tutti!

D.B.










domenica 13 settembre 2015

Visita a Bottiglie Aperte 2015 - Milano Sabato 12 Settembre

Amici e fedeli lettori di VinoDegustando bungiorno e buona domenica a tutti Voi.

Come promesso quando ho pubblicato il Post per informarVi dell'Evento Bottiglie Aperte 2015, ieri mi sono recato alla Manifestazione e oggi Vi svelerò quanto da me visto e assaggiato. 
I singoli assaggi di vini che ho deciso di presentare saranno però oggetto di specifici Post che pubblicherò nei prossimi giorni.
Oggi Vi parlerò dell'Evento nel suo complesso, anche per dar modo a chi fosse interessato a recarsi tra oggi e domani, di farlo utilizzando se vorrà anche le informazioni che qui troverete.

Intanto dobbiamo dire che la location scelta, e cioè la sede del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica di Milano, è sicuramente molto bella e si adatta molto bene ad una manifestazione come questa; i banchetti dei Produttori erano posizionati, ordinati per Regione nei corridoi coperti intorno ai 2 Chiostri comunicanti del Palazzo, mentre le Degustazioni guidate dal Campione del Mondo Sommelier 2010 Luca Gardini si svolgevano nelle affascinanti "Sala del Cenacolo" e "Sala delle Colonne". Per meglio renderVi conto delle caratteristiche della Location, potete andare sul Sito alla pagina dedicata http://bottiglieaperte.it/location-2/

L'Organizzazione è stata veramente di ottimo livello, anche grazie all'aiuto dato dai Sommelier della Fisar, a cui è stata data oltre che il servizio ai banchetti di Produttori che non avevano mandato loro incaricati, anche tutto ciò che necessitava ai produttori come ad esempio la fornitura del ghiaccio per i vini bianchi e la vuotatura degli "svuota bicchieri".
Unico neo organizzativo è stata la mancanza di una Tasting Room dedicata alla Stampa dove poter assaggiare tutti i vini esposti in un luogo separato e tranquillo, fornito anche di tavoli e sedie per poter sedersi ad assaggiare i vini e appuntarsi le informazioni necessarie; infatti quando decidevo di postare un vino, ero costretto ad andare a trovarmi un angolino dove potermi posizionare con il mio tablet.
In realtà c'era una sala dedicata alla stampa dove c'erano i tavoli e anche il Wifi libero, ma non era attrezzata con i vini, ed inoltre era posizionata troppo lontano soprattutto dal primo dei 2 Chiostri.

Per fortuna per i Visitatori e per noi addetti Stampa che non c'era tanta affluenza; comunque in queste condizioni, il tempo necessario alla degustazione è molto maggiore di quando invece mettono a disposizione  una Tasting Room dedicata alla Stampa.
Andare direttamente a parlare col Produttore è sicuramente meglio per l'appassionato, ma per noi che dobbiamo cercare di assaggiare quanti più vini possibile e nella massima concentrazione, la sala destinata alla Stampa è un grande vantaggio.

Per quanto riguarda gli Espositori, arano presenti circa 100 Produttori di quasi tutte le Regioni italiane; mancavano soltano rappresentanti della Valle d'Aosta, Molise, Calabria e Sardegna.
Vi erano sia piccole Cantine poco conosciute che Aziende dai nomi "Blasonati" come Collemassari-Grattammacco, Castello del Terriccio (Produttore del famoso Lupicaia) e Banfi per la Toscana, Kellerei Kaltern per l'Alto Adige, La-Vis per il Trentino, Bellavista e Guido Berlucchi per la Lombardia, Bertani, Tenuta S. Antaonio e Bellussi Spumanti per il Veneto, Livio Felluga per il Friuli Venezia Giulia, Cleto Chiarli per l'Emilia Romagna, Velenosi per le Marche, Ciccio Zaccagnini per l'Abruzzo, Paternoster per la Basilicata, Planeta e Firriato per la Sicilia (chiedo scusa a tutti per eventuali dimenticanze).

Come mia consuetudine però, io assaggio e pubblico su questo Blog, quasi esclusivamente prodotti di piccole Aziende che in molte realtà fanno vini non meno qualitativi delle "Grandi Blasonate". D'altronde questa è la Mission che mi sono preposto per "VinoDegustando".

Nei prossimi giorni, sarà mia premura pubblicare le degustazioni che ho ritenuto più rappresentative di questo bell' Evento ben organizzato.

Ciao a tutti e soprattutto ...... buone degustazioni!

B.D.