domenica 8 dicembre 2019

Abruzzo Pecorino D.O.C. "Eqwo" 2016 - Tenuta Terraviva

Buonasera e buon appetito a tutti!

Oggi siamo "virtualmente" in Abruzzo, per assaggiare un vino prodotto con uno dei vitigni principe di questa zona, il Pecorino; Vi descriverò l'Abruzzo Pecorino D.O.C. "Eqwo" 2016  della Tenuta Terraviva, un'Azienda che produce in regime di Agricoltura Biologica.

Pecorino al 100%, raccolta manuale che viene effettuata solitamente nella seconda decade di Settembre; la fermentazione alcolica avviene con lieviti indigeni a 22°C, per poi maturare 6 mesi in acciaio e affinare altri 3 mesi in bottiglia.

Com'è:

Alla Vista è un bellissimo giallo paglierino dorato molto luminoso;

al Naso è intenso, elegante, con note minerali e balsamiche in primo piano, a cui fanno seguito note agrumate di cedro e bergamotto, speziate di pepe bianco, zenzero, topinambur e coriandolo e qualche sentore erbaceo.

In Bocca è fresco e sapido; appena messo in bocca si percepiscono tutte le note sentite al naso. Purtroppo però nel centro bocca il vino non si esprime bene, lasciando un senso di ”vuoto” per una  disarmonia a livello alcolico che non è controbilanciata dal corpo e dalla glicerinita' tipica del Pecorino. Nel finale, non tanto lungo, fuoriescono soprattutto però le note verdi ed erbacee, che al naso erano appena percepite, oltre a qualche accenno balsamico.

Il grado alcolico di questo vino è, per un Pecorino, basso (12°), nonostante ciò lo rende non armonico; questo mi fa pensare che le uve al momento della raccolta non fossero alla giusta maturazione quindi e l'alcol prevale sugli altri fattori di equilibrio e, le note verdi date dall’uva non sufficientemente matura, aggravano questa sensazione di squilibrio.

Peccato, al naso prometteva molto e le aspettative erano molto alte!

Buone degustazioni a tutti!

D.B.

sabato 30 novembre 2019

Cannonau di Sardegna d.o.c. "Mamuthone" 2011 - Giuseppe Sedilesu

Buona serata amici appassionati di vino!

Enologicamente parlando, come già detto altre volte, il nostro "Stivale" è caratterizzato da una miriade di vitigni autoctoni e questo è, e deve essere il nostro vantaggio competitivo; anche la bellissima Sardegna non è da meno. 
Oggi parleremo di un vino prodotto da Cannonau in purezza, vitigno  coltivato anche in altri Paesi, come ad esempio in Francia dove risponde al nome di Grenache.

Le uve provengono da vigneti impiantati ad alberello, con una resa di 50 q.li ha, vendemmiate in Ottobre.
Pressatura soffice, fermentazione spontanea con macerazione sulle bucce di 12-15 gg., maturazione per 12 mesi in botti da 40 hl. e un affinamento in bottiglia di 3 mesi.

Alla Vista è rosso rubino, appena attendente al granato ma molto luminoso;

al Naso è elegantissimo, balsamico, abbastanza intenso, con sentori di frutti di bosco neri come mirtillo e mora, bacche di mirto, potpourri, grafite, cuoio, humus e foglie secche.

In Bocca è sapidissimo, fresco, armonico ed equilibrato, con una componente glicerica importante che lo rende pieno e rotondo; corpo possente con tannini fini e setosi, coerente con quanto sentito al naso con un finale molto lungo improntato soprattutto sulla sulle bacche, tanta mineralità e un tocco di liquirizia.

Gran vino! Complimenti Giuseppe!

Buone degustazioni a tutti!

D.B.

lunedì 25 novembre 2019

Tintilia del Molise doc 2012 - Di Majo Norante

Buonasera e buone degustazioni a tutti!

Questa sera assaggeremo un vino proveniente dalla Regione più piccola del nostro Sud Italia, il Molise; seppur piccola, dal punto di vista enologico è caratterizzata anch'essa da molteplici vitigni autoctoni, di cui tutto il nostro Paese è ricchissimo. 
Oggi parleremo di un vino ottenuto proprio da una di queste uve: il Tintilia del Molise D.O.C. 2012 prodotto da Di Majo Norante.

Tintilia in purezza provenienti da un vigneto impiantato 22 anni fa in terreni argillosi posti a 300-350 mq s.l.m.; produzione 80 q.li/ha di uva, macerazione sulle bucce per circa un mese, fermentazione malolattica completa, affinamento parte in botte e parte in acciaio a cui seguono altri 6 mesi in bottiglia.

Alla Vista è rosso rubino cupo con unghia appena tendente al granato.

Al Naso è intenso, elegante, vinoso, molto ampio,  con sentori di frutti neri come mora, mirtillo, ciliegia Bigarrau, prugna disidratata, balsamici di china e bacche di ginepro, terrosi di humus e foglie bagnate, minerali di grafite e animali di cuoio.

In Bocca è freschissimo, sapido, teso, glicerico, corrispondente a quanto sentito al naso, corpo imponente con tannini setosi e ben amalgamati.
Molto persistente, con un finale principalmente caratterizzato dalle componenti minerali-balsamiche.

Gran bel vino da abbinare a piatti di carne rossa, selvaggina, stufati, formaggi stagionati.

Buone degustazioni a tutti!

D.B.

giovedì 21 novembre 2019

Vino Rosso 89/90 2016 - Azienda Agricola La Piotta Padroggi Luigi e figli

Buonasera a tutti!

Tra le zone vitivinicole della Lombardia c'è l'Oltrepo Pavese, con le sue colline particolarmente vocate alla coltivazione del Pinot Nero per la spumantizzazione. Queste colline sono una zona però, in cui i vini Rossi trovano il loro Terruar naturale da sempre; oggi assaggeremo un vino rosso, la cui uva principale rappresenta il vitigno autoctono principale di questa zona.

Prodotto infatti da Barbera al 70% e Cabernet Sauvignon per il restante 30%, stiamo parlando del Rosso "89/90" 2016 prodotto dall'Azienda Agricola La Piotta di Luigi Padroggi e figli.
Le uve, una volta raccolte e selezionate, subiscono una pigiodiraspatura e il mosto viene avviato alla fermentazione con le bucce a temperatura controllata per 15-20 gg. Dopo la fermentazione alcolica e la svinatura, segue un affinamento di 12 mesi circa in tonneau.

Alla Vista è color rosso molto intenso e cupo, tendente al violaceo;

al Naso è molto intenso, abbastanza elegante, con note fruttate di more e mirtilli, ciliegia bigarreau matura, pepe nero, sentori terrosi di sottobosco quali humus, foglie secche e terra bagnata e qualche accenno minerale di grafite.

In Bocca è fresco, sapido, non perfettamente armonico in quanto caratterizzato da un'acidità un po' aspra e grezza, quasi come se la fermentazione malolattica non fosse stata portata a termine; coerente con quanto sentito al naso, molto persistente, con un corpo importante e tannini affinati e ben amalgamati. Nel finale esce anche la liquirizia e accenni balsamici.

Vino di buona qualità che si fa bere piacevolmente con un bel piatto di pasta al ragù di carne.

Buone degustazioni a tutti!

D. B.

venerdì 1 novembre 2019

Montefalco Sagrantino d.o.c.g. "Colle Grimaldesco" 2006 - Azienda Agricola Tabarrini

Buona serata e buon lungo weekend a tutti i lettori di VinoDegustando!

Tra le Regioni del nostro "Stivale", che reputo più belle in assoluto, c'è sicuramente l'Umbria; piccola regione del centro Italia, ricca di storia, cultura e architettura, oltre che zona vocatissima per la produzione di vini sia rossi che bianchi.

La degustazione di oggi riguarda quello che è considerato il Rosso per eccellenza di questa Regione: il Montefalco Sagrantino D.O.C.G. e precisamente Vi racconterò  il  "Colle Grimaldesco" 2006 dell'Azienda Agricola Tabarrini.


Prodotto con uve Sagrantino in purezza, provenienti da vigneti impiantati nel 1998 in terreni argillosi, ricchi di limo e ciottoli di fiume, esposti a Sud/Sud-Est e situati a circa 420 mt s.l.m. 
Produzione di uva 40 q.li/ha.
Dopo la pigiatura segue una macerazione sulle bucce per oltre un mese, una successiva maturazione di 36 mesi in botti grandi di rovere francese e un affinamento finale di 12 mesi in bottiglia. 

Alla Vista è di un bellissimo color Rubino molto carico appena tendente al granato;

al Naso è intenso, elegantissimo, etereo, balsamico, glicerico, con un bouquet molto ampio che spazia dai profumi fruttati di prugna e albicocca disidratate, mora e mirtillo, passando da sentori animali di cuoio, di sottobosco come humus, terra bagnata e foglie secche, per finire con note minerali di grafite e goudron.

In Bocca è freschissimo, sapido e, nonostante i suoi 15°, equilibrato e armonico, corrispondente a quanto sentito il naso con un aggiunta di note speziate di pepe nero; corpo imponente con tannini nobili, affinati ma ancora leggermente aggressivi. Molto persistente, con un finale tutto basato sulla balsamicità, le spezie e le note minerali.

Grande vino! Da bere in meditazione, oppure abbinato a piatti di selvaggina, brasato, stracotto d'asino, ecc.

E come sempre..........buone degustazioni a tutti!

D.B.

domenica 20 ottobre 2019

Spumante Metodo Classico Oltrepò Pavese D.O.C.G. Pas Dosé Pinot Nero "Torre degli Alberi" 2015 - Az. Agr. Filippo e Camillo dal Verme

Buona sera e buon week end!

Girando per piccole Cantine, abbastanza spesso mi capita d'incontrare personaggi dei più vari, però sempre fortemente appassionati del loro lavoro di Produttori vitivinicoli.

Per la degustazione di oggi, un po' di tempo fa, mi sono recato con mia moglie in quel dell'Oltrepò Pavese e precisamente a Ruino presso l'Azienda Agricola Torre degli Alberi dei fratelli Filippo e Camillo dal Verme.

Ci ha ricevuto Camillo, uomo distinto, di famiglia Nobile e di elevata cultura: anche se vestito con abiti da lavoro, il suo stile faceva trasparire l'estrazione della sua famiglia di Conti.
Veramente la loro attività principale consiste nell'Allevamento di Bovini razza Limousine e di galline per la produzione di pulcini di alta genetica; la produzione enologica è stata intrapresa invece, abbastanza di recente, andando a reimpiantare le vigne su terreni in cui tanti anni fa già c'erano.

Ma veniamo ora al vino di questa sera: uno Spumante Metodo Classico Oltrepò Pavese D.O.C.G. Pas Dosé Pinot Nero 2015, ottenuto con uve 100% Pinot Nero provenienti da vigneti situati in alta collina a 500 m slm, con esposizione Sud e terreno argilloso con elevato tenore di calcare; il microclima è mite, asciutto, con buona ventilazione e forti escursioni termiche giorno/notte. 
La produzione di uva è 60-80 q.li/ha, ottenuta in regime di Agricoltura Biologica, con inerbimento controllato meccanicamente e concimazione con letame prodotto in azienda e senza uso di diserbanti ed antiparassitari chimici. 
La raccolta avviene manualmente in piccole cassette, di solito verso i primi di Settembre.
Le uve, dopo una soffice spremitura, subiscono un immediato abbattimento termico e la successiva fermentazione alcolica a basse temperature dura circa 15 giorni e lo stazionamento sulle fecce nobili, con frequenti batonnage, circa 3 mesi; la permanenza in bottiglia sui lieviti è di circa altri 24 mesi. 

 Alla Vista è paglierino con lievi riflessi rosa antico e perlage molto fine con catenelle non abbondanti ma continue;

Al Naso non è tanto intenso e nemmeno ampio, ma elegante e caratterizzato da sentori di mela Annurca ossidata, note minerali e floreali di rosa;

in Bocca e freschissimo, sapidissimo, corrispondente al naso con le note floreali e minerali che si esprimono molto bene in un finale molto persistente.

La freschezza è sicuramente la caratteristica prevalente di questo vino.

Buone degustazioni a tutti!

D.B.

mercoledì 16 ottobre 2019

VIGNA O CANTINA?......... ALCUNE RIFLESSIONI

Buonasera a tutti gli appassionati del buon bere!

In campo enologico, come in tanti altri settori, a volte si creano fazioni e schieramenti su vari argomenti; oggi volevo fare con tutti voi alcune considerazioni in merito al fatto che siano meglio i vini cosìddetti “fatti in vigna” oppure quelli “fatti in cantina”, intendendo i primi quelli la cui qualità è ottenuta prevalentemente in campo, quindi per merito dell'Agronomo o del Vignaiolo (basse quantità di uva/ha, accorgimenti agronomici, rispetto della vigna, attività Agronomiche manuali, bassi utilizzi di sostanze chimiche, ecc.) i secondi quelli i cui meriti spettano invece prevalentemente all'Enologo.

Tengo a precisare che per me, qualsiasi generalizzazione o estremizzazione è di per sé sbagliata e che, considerare che le due macro-fasi della produzione del “nettare di Bacco”, possano essere separate e considerate come parti contrapposte, è sbagliato e fuorviante; se è vero che in vigna è molto importante produrre un uva sana, matura al punto giusto e possibilmente col minor impatto ambientale possibile, è altrettanto vero che questa materia prima deve essere trasformata al meglio in cantina.

Se però in Cantina si utilizza troppa tecnologia, tecniche “forzate” di vinificazione e soprattutto chimica, il risultato è che si va a modificare notevolmente o addirittura radicalmente il vino ottenuto, tanto da renderlo standardizzato e non più rappresentativo della tipologia e/o denominazione a cui appartiene.  Per esempio, anche l'utilizzo di lieviti selezionati, con cui si favoriscono la formazione di specifici profumi ed aromi, tende ad “appiattire” ed "omogeneizzare" i vini così prodotti, proprio perché ogni lievito dà al vino specifiche note.

Ci sono Enologi molto in gamba che riescono ad ottenere, anche da uve di non eccezionale qualità, vini di grande livello, perché con la loro esperienza e le tecnologie che oggi hanno a disposizione, a volte “molto spinte”, per un utilizzo in alcuni casi eccessivo della chimica, riescono a modificare tutti i parametri che in un vino devono essere in equilibrio tra loro, ottenendo quello che si sono prefissati di ottenere. La conseguenza di questo è che ogni anno, producono vini con le stesse caratteristiche, cosa che altrimenti non sarebbe possibile, dato che ogni annata è climaticamente diversa dall'altra e, come tutti sappiamo, il clima dell'annata incide notevolmente sulle caratteristiche dei vini.

Personalmente penso che le due parti siano entrambe importanti, ma sono tra coloro che ritengono che la vigna sia quella da tener più in considerazione (se dovessi esprimere una percentuale direi 70% a favore di quest'ultima); tutte le pratiche agronomiche utilizzate “in campo”, dovrebbero essere effettuate nel rispetto della vigna, dell'uva e dell'ambiente circostante. Un vino deve essere tipico ed essere l'espressione del “terruar” da cui proviene.

Anche le tipologie delle tecniche che vengono adottate “in vigna” e “in cantina” sono importanti, soprattutto per la salute del consumatore e dell'ambiente; l'utilizzo dell'agricoltura biologica o biodinamica per esempio, serve a diminuire l'utilizzo di prodotti chimici in campo e a privilegiare tutte quelle pratiche agronomiche che aiutano a migliorare l'ambiente in cui viviamo.
Oggi sentiamo sempre più che l'inquinamento e soprattutto tutti gli anticrittogamici utilizzati in agricoltura sono la causa della “morte di massa” di insetti pronubi come ad esempio le api, utilissime nell'impollinazione dei fiori e della conseguente loro fruttificazione; anche le coccinelle ed altri insetti simbolo “dell'ambiente pulito” sono oggi flagellati dalle stesse cause.

Molti ritengono che i vini biologici, biodinamici e quelli detti “naturali” siano dei vini di per sé di bassa qualità e molto spesso anche difettosi; sappiamo invece che molti difetti li ritroviamo anche in vini ottenuti dalla, chiamiamola così, “agricoltura chimica” e vinificati con tecnologie moderne, tutto sta nella qualità della materia prima, dalla capacità o meno di chi trasforma la stessa in vino e da altri fattori che influiscono sulla qualità del prodotto ottenuto.

Anche l'utilizzo di alti quantitativi di solfiti durante la vinificazione e il successivo imbottigliamento, oggi per fortuna in forte diminuzione, sono causa di danni alla salute del consumatore e io non sono d'accordo con coloro che sostengono che il loro basso utilizzo sia la causa diretta e unica di difetti del vino.

Come in tutto, la generalizzazione non è mai la scelta migliore, infatti è vero che per arrivare al non utilizzo di “solfiti aggiunti” bisogna vinificare in un ambiente pulitissimo e che l'uva utilizzata deve essere perfetta, senza nessun acino colpito da funghi, danneggiato da grandine o da patologie, ma tutto ciò sarebbe comunque opportuno per offrire al consumatore un prodotto di maggior qualità e soprattutto più sano.
Ricordiamoci che una certa quantità di solfiti viene già prodotta naturalmente dall'uva durante la vinificazione e la loro quantità potrebbe essere già di per sé sufficiente alla conservazione del vino, sempre se prodotto come dicevamo prima, con materia prima sana ed in un ambiente molto pulito.
E' vero, la longevità dei vini da invecchiamento sarebbe un po' inferiore, ma non mi direte che che consumate così frequentemente vini di 30-40 anni e oltre; d'altronde, se il vino viene prodotto bene, con grappoli sani, in un ambiente pulito e con macchinari e attrezzature pulite, la loro durata potrebbe comunque essere più che accettabile anche per gli appassionati di vini invecchiati più esigenti.

Quindi perché molti produttori preferiscono ancora fare uso spinto di sostanze chimiche e tecnologia?
La risposta è semplice ed univoca, produrre con tecniche di agricoltura biologica e biodinamica e il non utilizzo di tecniche di vinificazione moderne, li espone molto di più a rischi imprenditoriali che molti di loro non sono disposti a correre; ogni Azienda cerca di ottimizzare e aumentare sempre più i propri profitti e quindi anche quelle vitivinicole, soprattutto quelle più grandi, hanno questo obiettivo.
Molti piccoli viticoltori invece, anche per combattere la concorrenza, tendono a differenziarsi offrendo ai propri clienti prodotti “più sani” e non per questo di minor qualità.

Buone degustazioni a tutti!

D.B.


martedì 8 ottobre 2019

Sangiovese di Romagna Superiore Riserva D.O.C. 2008 "Corallo Nero" - Az. Agr. Gallegati

Buona serata a tutti gli appassionati lettori di VinoDegustando, sempre in cerca di "chicche" enologiche.

In tutte le Regioni Italiane, anche in quelle che fino a qualche anno fa, dal punto di vista enologico, si riscontrava più quantità che qualità, oggi si incontrano realtà di piccole e medie Aziende, dedite ad ottenere vini qualitativamente sempre migliori.
Una di queste Regioni è proprio quella da cui proviene il vino oggetto della degustazione di oggi: l'Emilia Romagna e il vino è il Sangiovese di Romagna Superiore Riserva D.O.C. "Corallo Nero" 2008 prodotto dall'Azienda Agricola Gallegati di Faenza.

Ottenuto da uve 100% Sangiovese, provenienti da vigneti impiantati in zona Brisighella, Podere Monte di Sotto.

Dopo un'accurata selezione delle uve e la loro la pressatura, la fermentazione dura 18-20 gg. sulle bucce a temperatura controllata. Dopo la svinatura, la fermentazione malolattica viene svolta in botti d’acciaio inox e successivamente la maturazione in barriques e tonneaux di rovere francese per 13-14 mesi. Il vino viene poi messo in bottiglia ad inizio estate. 

Alla Vista e al rosso granato scuro con unghia mattonata;

al Naso è molto intenso, etereo, ampissimo, con sentori buase, animali di cuoio, terrosi di humus, foglie secche e terra bagnata, speziati di pepe nero e noce moscata, minerali di goudron e ancora qualche nota fruttata di ciliegia varietà Bigarrau molto matura, prugna disidratata e more.

In Bocca è sapido, glicerico con una percezione alcolica importante ma equilibrato dalla balsamicità e dal corpo imponente, con tannini setosi e bene amalgamati.
Corrispondente a quanto percepito al naso, molto persistente, con le note speziate terrose e di goudron che lo accompagnano in un lungo e gustoso finale.

Chapeau!

Buone degustazioni a tutti!

D.B.


venerdì 4 ottobre 2019

Colli Tortonesi D.O.C. "Monleale" 2009 - Walter Massa

Buona serata a tutti gli amici di vino e della buona tavola!
Questa sera parleremo di un altro vino dei Colli Tortonesi: il Colli Tortonesi D.O.C. "Monleale" 2009 prodotto dai Vigneti Massa.

Prodotto con uva Barbera o in purezza o secondo le annate con qualche altro vitigno locale come Freisa e Croatina in minime parti. Le uve provengono da vigneti impiantati al circa 300 mt s.l.m. in terreni ricchi di calcare. Dopo una soffice pressatura delle uve, macerazione sulle bucce per 10-12 gg e la fermentazione avviene con lieviti indigeni. Matura per 24 mesi in botti in parte nuove e in parte usate, poi altri 6 mesi in acciaio per poi affinare altri 6 mesi in bottiglia.

Alla Vista è rosso rubino molto carico, appena tendente al granato;

al Naso è abbastanza intenso, bouquet molto ampio, ancora molto fruttato con sentori di ciliegia sotto spirito, mora, prugna disidratata , potpourri di fiori, china, bacche di mirto, note speziate di pepe nero, terrose di humus, foglie secche e terra bagnata, minerali di grafite e sentori balsamici dolci di cioccolato alla menta tipo "After Eight".

In Bocca è fresco, molto sapido, con una sensazione alcolica percepibile, ma  nello stesso tempo equilibrato ed armonico, corrispondente a quanto sentito al naso, molto persistente, con le note balsamiche speziate che si esaltano in un piacevolissimo finale; corpo possente con tannini molto fini, eleganti e ben amalgamati.

Buone degustazioni a tutti!

B.D.


lunedì 30 settembre 2019

Spumante Metodo Classico Dosaggio Zero "Perlugo" - Soc. Agr. Pievalta

Buona serata a tutti gli appassionati di vino  in cerca di novità!

L'Italia come tutti sappiamo è un bellissimo paese e in tutte le sue Regioni è presente almeno una zona dove si producono ottimi vini; quella della degustazione di oggi  si trova nel Centro Italia, nelle Marche e precisamente nell'area di Jesi. 
E' un territorio secondo me particolarmente vocato ai vini bianchi e il vitigno di oggi a mio parere ne è quello più rappresentativo e cioè il Verdicchio che, da qualche anno viene utilizzato anche per produrre bollicine sia col Metodo Classico che col Martinotti: oggi degusteremo lo Spumante Metodo Classico Dosaggio Zero "Perlugo" prodotto dalla Società Agricola Pievalta.
Questa è un azienda che produce i propri vini in regime di Agricoltura Biologica e quindi rispettosa dell'ambiente in cui viviamo, argomento particolarmente discusso in questo periodo.

Prodotto con uve Verdicchio in purezza, provenienti dai vigneti situati a Maiolati Spontini e San Paolo, caratterizzati da terreni Argilloso-calcarei; il sistema di allevamento utilizzato è il Guyot, con un numero di ceppi di 5300 per ha e una resa di  90 q.li.
La vinificazione avviene con una pressatura soffice, la fermetazione in vasche inox termocondizionate. Matura per 6 mesi in vasche inox e la sua permanenza sui lieviti è di 12-24 mesi.

Alla vista e paglierino molto pallido con perlage molto fine e abbondante;

al Naso non è tanto intenso ma elegante con sentori di pera e mela, fiori di glicine e ginestra, zenzero, rafano,  timo e accenni minerali. 

In Bocca e freschissimo, sapido, teso, verticale, con una componente glicerica che gli dona quel pizzico di rotondità; è corrispondente al naso, abbastanza persistente, con una prevalenza floreale-minerale e speziata che di allunga in un piacevole finale.

Ottimo come aperitivo, accompagna piatti di pesce e crostacei, carni delicate e formaggi non stagionati.

Buone degustazioni a tutti!

D.B.