sabato 23 settembre 2017

Provincia di Pavia I.G.P. Rosso "Podere la Borla" 2013 - Monsupello

Buona serata e buon week end a tutti i nostri affezionati lettori!

Oggi Vi descriverò le sensazioni che mi ha trasmesso un vino di un' Azienda dell' Oltrepò Pavese che io stimo molto e di cui ho postato su questo Blog più di qualche vino, sto parlando dell' Azienda Agricola Monsupello di Torricella Verzate in provincia di Pavia; di questa cantina amo molto le loro bollicine Metodo Classico, in tutte le loro versioni, ma devo ammettere che anche i loro vini fermi sono "di tutto rispetto" (Vi consiglio di andare a leggere i post del 05 Ottobre e del 27 Dicembre 2014, dell' 11 Gennaio 2015, del 31 Gennaio 2016 e del 06 Agosto 2017).

Il vino di oggi è il Provincia di Pavia I.G.P. Rosso "Podere la Borla" 2013, prodotto con un uvaggio composto per il 50% da Barbera, 45% Croatina e 5% Pinot Nero, con una resa per ettaro di 70 q.li, le cui uve provengono da vigneti di oltre 20 anni di età, piantati in terreni argilloso-sabbiosi.
La vinificazione avviene in contenitori di acciaio, per poi fare un breve passaggio in barriques di legno francese di 2°e 3° passaggio ed un successivo periodo di affinamento in acciaio e in bottiglia.

Vediamo ora come si comporta nel bicchiere:

alla Vista si presenta di color rosso rubino carico, con unghia tendente al granato.

Al Naso è intenso, ampio, intrigante ed elegante, con sentori di piccoli frutti rossi maturi come marasca, mora, frutto di gelso e mirtillo, note speziate di pepe nero e noce moscata, minerali di grafite, terrose
di humus e terra bagnata e qualche lieve accenno vanigliato;

in Bocca è sapido, col il calore dell'alta gradazione alcolica (14,5%) che però non rende disarmonico l'assaggio. Quanto si è percepito al naso si ritrova in toto anche in bocca; il corpo è imponente con tannini non ancora del tutto integrati. Lunghissimo, equilibrato, con un finale speziato balsamico molto piacevole.

Un pizzico di acidità in più e sarebbe stato ancora meglio.

E' un vino che può affinare e migliorare per altri 2-3 anni.

Bravi Pierangelo e Marco, complimenti!

Buone degustazioni a tutti!

D.B.