domenica 11 gennaio 2015

Provincia di Pavia I.G.T. Merlot 2012 "Monsupè" - Soc. Agr. Monsupello

Buongiorno a tutti sono molto contento di essere di nuovo con Voi. 
Devo ringraziarVi per i numerosi accessi al mio Blog "Vinodegustando". 
Spero che lo troviate tutti interessante e che Vi sia utile. 
Se volete lasciare Commenti sui singoli vini, sono benvenuti, così come i Commenti e Consigli sul Blog. Il Vostro parere e i Vostri consigli sono per me molto importanti perchè mi permettono di apportare modifiche che potrebbero far aumentare ulteriormente il Vostro gradimento.

 Cari amici "enonauti" buongiorno e buona domenica.

Oggi Vi descriverò un vino rosso che ho bevuto ieri sera  a casa di amici.

Si tratta del Provincia di Pavia I.G.T. Merlot 2012 "Monsupè" prodotto dalla  Società Agricola Monsupello di proprietà della nota famiglia Boatti sita nell'Oltrepo' Pavese a Torricella Verzate (PV).

Se volete avere informazioni su questa bella realtà vitivinicola dell'Oltrepò Pavese, Vi consiglio di andare a leggere il Post da me inserito il 05 Ottobre 2014 su questo Blog, dove descrivevo lo Spumante Metodo Classico Pas Dosè "Nature".
Devo dire che questa Azienda è più vocata alla produzione di Spumanti Metodo Classico che ai vini rossi fermi, anche se ho assaggiato in passato alcunie ottimi prodotti di questo tipo.

Ma ora veniamo al vino di oggi.

Alla Vista è rosso rubino molto intenso con unghia tendente al granato.

Al Naso è elegante, molto intenso, con sentoiri di frutta rossa e nera molto matura (ciliegia bigarrau, mora, mirtillo e prugna disidratata), note minerali di grafite, e note terrose. Unico neo è dato da un eccesso di alcol percepibile già

all'olfatto che rende un po' disarmonico il vino.

In Bocca è corrispondente, però l'eccesso di alcol qui si sente molto anche a causa di un basso tenore di acidità che rende il vino, dopo qualche minuto che sosta nel bicchiere, un po' "marmellatoso". 
E' corposo ma, anche a causa della poca acidità è poco persistente.

E' un vino che si presenta sicuramente meglio al naso di quanto invece sia in bocca.

Buone degustazioni a tutti!

B.D.