mercoledì 1 novembre 2017

Barbera d'Alba D.O.C. Canova Superiore 2011 - Azienda Agricola Ressia

Buongiorno e tanti auguri a tutti gli affezionati lettori di VinoDegustando!

Per la degustazione di oggi ci recheremo (prtroppo soltanto virtualmente) in una delle Regioni più rappresentative dell'enologia Italiana: il bellissimo Piemonte e più in particolare in una zona tra le più vocate, le Langhe. Il vino in assaggio oggi è il Barbera d'Alba D.O.C. Canova Superiore 2011, prodotto dall'Azienda Agricola Ressia situata a Neive. (http://www.ressia.com/)

Ottenuto con uve barbera in purezza coltivate in un vigeto situato nella sottozona "Canova" a 380 mt. s.l.m. esposto a Sud; la raccolta avviene manualmente in cassette forate, nelle prime settimane di Ottobre, con una resa d'uva di 40-50 q.li/ha.

Le uve precedentemente diraspate, dopo una soffice pigiatura vengono sottoposte alla fermentazione alcolica in vasche d'acciaio ad una temperatura di 30-32°C. permangono a macerare sulle bucce per 12 giorni, con svariati rimontaggi giornalieri; dopo la fermentazione malolattica il vino viene posto ad affinare in botticelle da 10 hl con fondi di rovere di slavonia e doghe in rovere di Allier, dove ci permane per 24 mesi. L'affinamento prosegue per circa 3 in vasche d'acciaio prima di procedere all'imbottigliamento.

Dati estratti dalla Scheda Tecnica del vino:
Temperatura di servizio: 18° C.
Titolo alcometrico: 14% (l'annata in degustazione riporta sull'etichetta 13,5%)
Estratto secco: 35,4
Acidità totale: 6,6
Produzione annua: 4.000 bottiglie

Procediamo ora all'assaggio:

alla Vista si presenta di un bel rosso rubino-granato con unghia tendente al mattonato.

Al Naso è intenso, elegantissimo, con un bouquet molto ampio che spazia da sentori fruttati di marasca, per poi passare a profumi speziati di pepe bianco e noce moscata, minerali di goudron, terrosi di humus e foglie bagnate, a cui seguono note di cuoio, cioccolato, potpourri  e qualche accenno balsamico.

In Bocca è freschissimo, sapido, armonico, con tannini setosi e ben amalgamati, corrispondente a quanto percepito al naso con una fresca aggiunta agrumata di arance sanguinelle. Molto persistente, con un piacevole finale speziato-agrumato che fa salivare notevolmente la bocca.

Gran bel vino!

Buone degustazioni a tutti!

D.B.