venerdì 12 agosto 2016

"Ousia" Marche I.G.T. Metodo Classico Dosaggio zero 2012 - Azienda Agricola Socci

Buongiorno a tutti gli "Enonauti"!

Come Vi ho già detto nel Post da me pubblicato su VinoDegustando in data 10 Agosto u.s., tornando da una breve vacanza passata con mia moglie in Puglia, abbiamo deciso di fare qualche visita a qualche Azienda Vitivinicola che avremmo incontrato sulla strada del ritorno.
La seconda ed ultima meta da noi scelta è stata l'Azienda Agricola Umberto Socci sita a Castelplanio in provincia di Ancona, piccola realtà vitivinicola posizionata nel territorio di produzione del Verdicchio dei Castelli di Jesi.

Abbiamo avuto modo di conoscere il titolare dell'Azienda Sig. Socci e di fare con lui e la moglie una lunga chiaccherata; persone gentilissime e cordiali, ci ha raccontato tutta la storia della loro Cantina mentre degustavamo tutti i loro vini: 3 Verdicchio dei Castelli di Jesi D.O.C. Classico Superiore annata 2015 "Martina",  "Marika" e "Deserto" e "Ousia" un Marche I.G.T. Metodo Classico Dosaggio Zero millesimo 2012, anch'esso ottenuto da uve Verdicchio.

Oggi parleremo di quest'ultimo: si tratta di una bollicina Metodo Classicoche che fa 30 mesi sui lieviti.

Alla Vista è paglierino con riflessi dorati ed un perlage fine ed abbondante;

al Naso è elegante, non tanto intenso, le note di lievito sono quasi impercettibili a favore del bouquet che va dai sentori floreali di glicine e ginestra ai frutti di litchi e ribes bianco e agrumati di lime con leggere note solfuree.

In Bocca è sapido, fresco, corrispondente, esile ma con un perlage setoso che accarezza le papille; pecca un po' nell'armonia e nella persistenza e finisce con una nota di mandorla leggermente amarognola e di salvia.

Per essere la prima annata di produzione, possiamo dire che si tratta di un prodotto di buon livello che può essere ulteriormente
migliorato soprattutto nella persistenza e un po' nell'armonia in bocca.

Buone degustazioni a tutti!

D.B.

 Se il Post è stato apprezzato Vi chiedo gentilmente di cliccare su "G+1"; a Voi non costa assolutamente nulla, a me fate cosa gradita .                Grazie!










mercoledì 10 agosto 2016

Moscato del Molise D.O.C. Passito "Apianae" 2012 - Azienda Agricola Di Majo Norante

Ben ritrovati amici di "VinoDegustando"!

Nei giorni scorsi sono stato per qualche giorno in terra di Puglia per una breve vacanza. Tornando a casa ho detto a mia moglie "perchè non fare qualche tappa enoculturale". 
Ebbene sì, come sempre faccio quando sono in giro, mi sono fatto prendere dalla tentazione di recarmi in qualche Azienda lungo la strada. La prima regione che si incontra risalendo dalla Puglia è il piccolissimo Molise e siccome mi mancava tra le soste enologiche, ho deciso di fare tappa proprio lì a Campomarino in provincia di Campobasso nella bella Azienda Di Majo Norante.

Ho assaggiato un po' tutti i vini da loro prodotti; qualcuno lo conoscevo già, altri invece non avevo ancora avuto il piacere di assaggiarli e devo di dire di esserne stato piacevolmente impressionato da tutti.

Oggi Vi descriverò il loro vino dolce e cioè il Moscato del Molise D.O.C. Passito "Apianae" 2012.

Prodotto con il vitigno Moscato Reale in purezza, l'uva viene fatta appassire sulla pianta e viene raccolta tra fine Ottobre e inizio Novembre; dopo la criomacerazione per esaltarne i profumi, viene sottoposta intera a lieve pressatura. Fermenta lentamente a temperatura controllata e subisce la malolattica completa in botte. L'affinamento avviene per un anno in vasca d'acciaio e 6 mesi in bottiglia.

Vediamo ora come si comporta:

alla vista è di un bellissimo giallo oro intenso con riflessi arancio, molto brillante e bello da vedere nel bicchiere.

Al Naso è intenso, elegantissimo, balsamico, con un bouquet abbastanza ampio che spazia dagli agrumi canditi e freschi, al miele di fiori d'arancio e qualche nota di zafferano.

In Bocca è sapido, rotondo, glicerico, ben sostenuto da una spalla acida importante; è corrispondente al naso, molto persistente con un piacevolissimo finale agrumato-balsamico che resta molto a lungo in bocca.

Gran bel vino, da bere o da solo in "meditazione" o in abbinamento a formaggi stagionati o anche con dolci a base di pasta di mandorle.

Complimenti al produttore!

Buone degustazioni a tutti!

D.B.

Se il Post è stato apprezzato Vi chiedo gentilmente di cliccare su "G+1"; a Voi non costa assolutamente nulla, a me fate cosa gradita .                Grazie!